Reportage o foto in posa?

      Le parole più googlate dalle spose alla ricerca del fotografo per il loro matrimonio sono: “fotografie naturali”. Ma che si intende per fotografie naturali?

      In fotografia si distinguono diversi generi. Quelli riferiti al matrimonio sono comunemente: reportage o foto in posa. I due generi spesso si intersecano. La differenza tra l’uno e l’altra è abbastanza definita, ma credo non del tutto chiara

      Wikipidia si pronuncia così in merito al reportage: ” è un genere fotografico con regole ben precise. E’ una documentazione fedele di fatti ben identificabili. Ha come scopo quello di raccontare una storia attraverso una galleria di immagini. Usata spesso in ambito giornalistico, per documentare la vita delle persone in situazioni difficili, come ad esempio una guerra, un disastro naturale o altri eventi.” La fotografia di tipo reportagistica non prevede nessun tipo di posa, ivi comprese foto con la nonna o con la zia venuta da oltre oceano. E’ una documentazione fedele dei fatti, in cui il fotografo si limita semplicemente a documentare ciò che accade.

      Credo che la parola “reportage” in campo matrimonialista sia oggi mal interpretata e utilizzata in modo erroneo da sposi e colleghi. Cito ancora Wikipedia in merito alla fotografia di matrimonio: “è un genere di fotografia sociale praticata in occasione di uno sposalizio. È un particolare esercizio fotografico, realizzato da fotografi professionisti dei quali è l’attività principale. Questa specializzazione viene a volte denigrata per il suo lato “non artistico”. Mescola reportage, ritrattistica, composizione, padronanza dell’evento e personalizzazione.” E’ quindi un genere che ne racchiude diversi al suo interno. Infatti sono davvero pochissimi i fotografi che realizzano un matrimonio interamente in stile reportage, andando a sacrificare le fotografie canoniche come i ritratti di famiglia, che il 99.9% degli sposi richiedono.

      La ricerca della parola “foto naturali” è quindi il modo più sbagliato per evidenziare il genere o il tipo di fotografia per il vostro matrimonio. Quello che vi suggerisco di fare è analizzare il sito di ogni fotografo le cui foto vi attraggono. Non vi limitate alla foto singola, ma analizzate interi matrimoni per capire se il modo di raccontare è quello che cercate. A prescindere che sia caratterizzato da una foto in posa o di tipo reportagistico. Direi che la stragrande maggioranza di noi si concentra sul mescolare entrambi gli stili e farli propri, regalando al cliente una visione del tutto personale di quel giorno e della vostra storia. Ma sopratutto non è importante che voi scegliate un reportagista o uno fotografo di posa, è fondamentale troviate il fotografo che soddisfi i vostri gusti, quello con cui siete in sintonia e che rispecchia le vostre esigenze fotografiche.

      photo credits: Federica Ariemma

      SHARE
      COMMENTS